Si ha successione quando uno o più soggetti (successori o aventi causa) subentrano a un altro soggetto (autore o dante causa) nella titolarità di diritti o obblighi di carattere patrimoniale.

La successione può avvenire per atto tra vivi (donazione, vendita) o per morte del dante causa. In generale comunque quando si parla di successione ci si riferisce a quest’ultimo caso: successione mortis causa che può essere universale o particolare.

La materia è regolata dal Codice Civile agli articoli fra il 456 e il 768 con l’integrazione della legge di riforma del diritto di famiglia n.151/1975.

Oggetto della successione

La successione riguarda tutti i diritti e gli obblighi di carattere patrimoniale con esclusione di quelli che si estinguono con la morte del titolare: usufrutto, uso, abitazione, diritti legati alla vita del titolare, o intuit personae (mandato, socio, rapporto di lavoro)

Momento e luogo della successione

456 – Apertura della successione:

La successione si apre al momento della morte e nel luogo dell’ultimo domicilio del defunto.

La successione può essere:

  • Titolo universale: complesso di rapporti giuridici attivi e passivi che si trasmettono al momento della morte (si diventa eredi solo con l’accettazione)
  • Titolo particolare: art. 588 del codice civile “le altre disposizioni sono a titolo particolare”

Il legatario subentra nella titolarità di uno o più diritti specifici (proprietà di un bene o di una somma di denaro) e non risponde dei debiti tranne quelli connessi al bene legato (un esempio può essere un mutuo ipotecario.

Accettazione dell’eredità – art. 459

  • Pura e semplice art. 470
  • Con beneficio d’inventario art. 470
  • Espressa art. 475
  • Tacita art. 476

Una volta accetta l’eredità si è per sempre eredi: semel heres semper heres

Rinuncia all’eredità – art.519

È possibile rinunciare, in alcuni casi è possibile revocare la rinuncia (art. 525)

La successione può essere:

  • Legittima: quando mancano disposizioni testamentarie, avviene in forza di legge, è sempre a titolo universale
  • Testamentaria: quando le volontà sono espresse in testamento

Facciamo presente che l’art. 536 tutele la categoria degli eredi legittimari anche contro la volontà del testatore. Sono eredi legittimari: il coniuge, i figlio, gli ascendenti; a questi soggetti spetta sempre una quota dell’eredità (quota legittima)

Condividi sui social:
Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.studioandolfo.it/le-pratiche-di-successione/
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *