Il sindacato CISAL Terziario di Padova incrocia spesso lavoratori che subiscono infortuni sul lavoro a volte da attribuirsi a loro stessi mentre altre volte i lavoratori subiscono passivamente e le responsabilità non ricadono certo su di loro.

Infortuni causati dagli stessi lavoratori:

  • sbadataggine, scarsa attenzione e scarsa concentrazione;
  • eccessiva fretta;
  • superficialità nella valutazione del pericolo: lo si ritiene poco importante o difficile che accada o nel caso contrario ci si sente addirittura “troppo” sicuri e quindi ci si propone con superficialità all’attività lavorativa banalizzando i comportamenti di fronte al pericolo;
  • inosservanza delle norme di sicurezza, per comodità, pigrizia o non conoscenza del pericolo e delle norme;
  • eccessiva stanchezza,
  • assuefazione ai rischi vista come abitudine dei gesti;
  • uso di alcolici o di sostanze stupefacenti vanno a minare l’integrità psico-fisica del lavoratore.

 

Infortuni causati ai lavoratori ma con responsabilità del datore di lavoro:

  • non idonea organizzazione di corsi di formazione all’atto dell’assunzione, in caso di nuova qualifica o funzione, in caso di introduzione in azienda di nuovi macchinari o nuovi materiali pericolosi o di diverse impostazioni di lavoro;
  • mancata informazione del personale sui pericoli relativi alla sicurezza e alla salute connessi alle proprie mansioni;
  • macchinari privi delle idonee misure di sicurezza;
  • macchine e/o attrezzature non adatte allo scopo e all’ ambiente (allarme sonoro mascherato dal rumore del parco macchine);
  • locali non a norma di sicurezza;
  • mancanza dell’apposita cartellonistica che richiami l’attenzione sulle istruzioni per l’uso dei macchinari, sulle varie norme di sicurezza, sugli atteggiamenti abituali (non correre, toccare un macchinario o aprirlo mentre è in funzione, come comportarsi in caso di un funzionamento anomalo, come sollevare materiale pesante ecc.);
  • mancanza di controllo del personale affinché rispetti le norme di sicurezza;
  • mancata consegna dell’attrezzatura antinfortunistica peroperare la propria mansione in sicurezza (per es. imbragature, caschetti, scarpe antinfortunistica, guanti, cuffie insonorizzanti…);
  • precarietà del lavoro che conduce ad una formazione insufficiente.

C’è poi anche da considerarsi come causa di infortuni anche il rischio proprio della macchina (movimenti alternativi, avviamento imprevisto, arresto precario).

Vediamo i dati: Riguardo alla causa degli infortuni sul lavoro è interessante notare che il 26,2% dipendono da una perdita di controllo, totale o parziale, di macchinari, mezzi di trasporto o per l’errato utilizzo delle apparecchiature. Ancora molte le cadute accidentali che rappresentano il 22,5% dei casi.

La Segreteria Provinciale CISAL Terziario Padova appoggia ed aiuta nella gestione dell’infortunio sul lavoro sia dal punto di vista INAIL che Assicurativo dando anche un appoggio al lavoratore nei casi di mancanze anche gravi da parte del datore di lavoro. Il dipendente è sempre tutelato nei nostri uffici.

Condividi sui social:
Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.studioandolfo.it/il-sindacato-e-le-cause-degli-infortuni-sul-lavoro/
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *