Il settore relativo all’attività d’infortunistica stradale è molto ampio e complesso, ci si deve districare tra contratti, certificati, tabelle INAIL o Ania, centri liquidazione danni, verbali e scartoffie di vari tipi. È per questo che la figura del consulente di infortunistica stradale (o patrocinatore stragiudiziale) è così importante. È una figura professionale altamente specializzata che funge da valido supporto per il danneggiato (in alcune cose sostituendosi anche), seguendo l’intero svolgimento della pratica di risarcimento dei danni occorsi.
All’interno dello STUDIO ANDOLFO troverai sempre un consulente d’infortunistica stradale pronto ad aiutarti, guidandoti e sostenendoti in ogni fase dell’iter burocratico: dalla compilazione della richiesta di risarcimento, fino alla liquidazione del danno patito sia esso fisico che materiale.
Se a causa delle ferite riportate in occasione dell’infortunio non hai la possibilità di raggiungere la nostra sede, saremo noi a recarci presso la tua abitazione per offrirti una valutazione gratuita del caso specifico. Il nostro team di professionisti valuterà le varie possibilità di rivalsa e dopo averle sottoposte alla tua attenzione ed argomentate in maniera più che dettagliata, lasceranno a te la scelta finale. La vita di ogni individuo in effetti è contraddistinta da un fitto corollario di scelte; alcune meno importanti, altre talmente determinanti da essere in grado di cambiare radicalmente il corso naturale degli eventi; è proprio in funzione di queste ultime che si differenzia la storia individuale di ogni singolo infortunato. La tutela dei propri diritti fondamentali è un tema talmente importante infatti, che ogni scelta ad esso legata può ripercuotersi sull’intera vita della parte lesa.

I consulenti dello STUDIO ANDOLFO sono pronti a rivendicare le tue ragioni e a far finalmente valere i tuoi diritti calpestati, e tu… cosa scegli?

Condividi sui social:
Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.studioandolfo.it/il-consulente-dinfortunistica-stradale-il-patrocinatore-stragiudiziale/
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *